Regole di calcolo e scadenze dell’autoliquidazione Inail 2024

autoliquidazione

Condividi questo articolo

Presto i datori di lavoro dovranno affrontare l’autoliquidazione Inail, poiché si avvicina il 16 febbraio, scadenza entro la quale ogni anno sono tenuti a pagare il premio assicurativo dovuto all’Istituto. Scopriamo nel dettaglio cos’è l’autoliquidazione Inail, come funziona e le scadenze da tenere in considerazione.

Autoliquidazione Inail: che cos’è e come funziona

Per i datori di lavoro soggetti all’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali è prevista l’autoliquidazione Inail (adempimento che riguarda anche gli artigiani privi di dipendenti), tramite la quale viene determinato il premio assicurativo dovuto all’Istituto Nazionale Assicurazioni contro gli Infortuni sul Lavoro.  

L’Inail richiede ai datori di lavoro di pagare annualmente questo premio, basato sulle retribuzioni dei dipendenti assicurati e sulla copertura applicata, nota come “voce di tariffa”, che varia in base alla mansione e al rischio connesso. Inoltre, con l’autoliquidazione annuale dei premi, l’Inail riscuote anche i contributi associativi per conto delle associazioni di categoria convenzionate.

Le imprese che impiegano lavoratori in attività considerate rischiose devono effettuare l’autoliquidazione Inail. Questo obbligo si estende anche agli artigiani e ai lavoratori autonomi nel settore agricolo, i quali devono provvedere all’assicurazione per la propria tutela.

Quando si fa l’autoliquidazione Inail e come viene calcolata

L’autoliquidazione Inail avviene tramite un sistema di saldo e acconto, con obblighi e scadenze specifici. Il premio viene calcolato moltiplicando le retribuzioni dei lavoratori per il tasso comunicato dall’Inail relativo alla singola voce di tariffa.

L’autoliquidazione viene calcolata online tramite i servizi telematici dell’Inail. Attraverso il sistema informatico, è possibile calcolare sia il premio anticipato per l’anno in corso, sia il conguaglio per l’anno precedente. Possono accedere al servizio i datori di lavoro e gli altri soggetti assicuranti tenuti all’autoliquidazione, così come gli intermediari in delega, come commercialisti e consulenti del lavoro, che possono avviare la procedura.

Entro il 16 febbraio 2024, i datori devono calcolare sia il premio anticipato per l’anno in corso, conosciuto come “rata”, sia il conguaglio per l’anno precedente, chiamato “regolazione”, basato sulle retribuzioni dell’anno successivo. Inoltre, sono tenuti a effettuare il calcolo del premio di autoliquidazione, al netto di eventuali riduzioni contributive, e a effettuare il pagamento del premio tramite il “modello di pagamento unificato – F24” o, nel caso degli enti e organismi pubblici, il “modello di pagamento F24 EP (Enti Pubblici)”. 

Dopo questa fase, è necessario procedere con la presentazione delle dichiarazioni relative alle retribuzioni effettivamente corrisposte nell’anno precedente. Nel caso del 2024, il termine ultimo per le retribuzioni del 2023 è fissato al 29 febbraio.

Successivamente, l’Inail effettua controlli per verificare la correttezza delle autoliquidazioni. Il 27 dicembre 2023, l’Istituto ha pubblicato le istruzioni relative alla procedura di autoliquidazione dei premi e il 9 gennaio 2024 un documento con i coefficienti di applicazione dei tassi di interesse per la rateizzazione.

Autoliquidazione Inail 2024 e la possibilità del pagamento a rate


Per quanto riguarda l’autoliquidazione Inail e la possibilità del pagamento a rate, invece di versare un’unica soluzione, il premio può essere rateizzato in quattro rate trimestrali, ognuna pari al 25% del premio annuale. Per optare per questa soluzione, è necessario comunicarlo tramite i servizi telematici previsti per la presentazione della dichiarazione delle retribuzioni. A differenza della prima rata, sulle altre sono applicati gli interessi.

Le scadenze per il versamento delle quattro rate sono le seguenti: il 16 febbraio, il 16 maggio, il 20 agosto e il 16 novembre. Nel caso in cui una scadenza cada in un giorno festivo o di sabato, il versamento dovrà essere effettuato il primo giorno lavorativo successivo.

Per maggiori informazioni sull’autoliquidazione Inail 2024, contattate lo staff dello Studio Riitano.

Scopri altri articoli

Il tuo successo è il nostro successo.

Studio di consulenti del lavoro a Milano specializzato in gestione del personale per piccole e grandi aziende.

Made with love by Very Content - Digital Agency.