Tutto sulla quattordicesima: quando arriva, come si calcola e tassazione

quattordicesima-calcolo

Condividi questo articolo

Con l’estate è arrivato il periodo della quattordicesima, visto che tra giugno e luglio questa mensilità viene erogata ai lavoratori dipendenti e ai pensionati. Si tratta di una somma aggiuntiva allo stipendio o alla pensione, che viene corrisposta in busta paga per i lavoratori e nel cedolino della pensione per i pensionati. In questo articolo scopriremo come si calcola, quando viene erogata e altri dettagli utili.

Quattordicesima, in cosa consiste

Sono circa 8 milioni i lavoratori italiani che si apprestano a ricevere la quattordicesima, a cui si aggiunge una buona fetta di pensionati. Secondo Confesercenti, quest’anno l’importo medio sarà di 1.500 euro per un ammontare complessivo di 12 miliardi. 

Grazie alla quattordicesima i dipendenti possono beneficiare di una mensilità aggiuntiva rispetto al loro stipendio base. Oltre alla ben nota tredicesima, in alcuni casi è prevista la quattordicesima, che rappresenta un ulteriore pagamento mensile noto anche come “premio feriale”. Questo extra rientra tra i compensi a periodicità plurimensile, che hanno una periodicità superiore a quella del normale periodo di paga.

La quattordicesima si differenzia dalla tredicesima che spetta a tutti i dipendenti come gratifica natalizia: infatti, non tutti i lavoratori ne hanno diritto, poiché la sua erogazione dipende da quanto previsto dal CCNL applicato. Questa mensilità è destinata solo a determinate categorie di lavoratori e pensionati. In Italia è prevista per i lavoratori dipendenti con il CCNL nei settori del turismo, terziario, commercio, alimentare, pulizie, chimica, logistica, multiservizi e autotrasporti.

Come si calcola il netto della quattordicesima e quando viene erogata 

L’importo della quattordicesima si calcola in base al reddito percepito e ai mesi lavorati nell’anno precedente al mese di giugno.  Per calcolare la quattordicesima si moltiplica l’importo della retribuzione lorda mensile per il numero di mesi lavorati dal 1 luglio dell’anno precedente al 30 giugno dell’anno corrente per poi dividere la somma per 12.

La quattordicesima viene erogata come mensilità aggiuntiva in busta paga, solitamente prima delle vacanze estive nel mese di giugno o luglio, ma non esiste una data univoca variando da azienda ad azienda. Nel caso dei lavoratori che vengono assunti nel corso del periodo di maturazione, il calcolo deve essere riparametrato in base ai mesi di anzianità.

Per i pensionati la quattordicesima è prevista, invece, con la pensione del mese di luglio. 

Quattordicesima e la tassazione 

Essendo parte del reddito del lavoratore, la quattordicesima è soggetta a tassazione piena, che può essere maggiore rispetto a quella dello stipendio mensile, portando così a un importo netto inferiore. Le aliquote Irpef applicate sulla quattordicesima sono le seguenti:

  • 23% per redditi fino a 15.000 euro
  • 25% per redditi dai 15.001 ai 28.000 euro
  • 35% per redditi dai 28.001 ai 50.000 euro
  • 43% per redditi superiori a 50.000 euro annui

Oltre ai lavoratori, anche ai pensionati con più di 64 anni spetta la tredicesima, ma è necessario che soddisfino determinati requisiti: per verificare se se ne ha diritto è necessario rivolgersi all’Inps.

Per avere maggiori dettagli sulla quattordicesima o se cerchi un consulente del lavoro contatta lo staff di Studio Riitano.

Scopri altri articoli

Il tuo successo è il nostro successo.

Studio di consulenti del lavoro a Milano specializzato in gestione del personale per piccole e grandi aziende.

Made with love by Very Content - Digital Agency.